Pixel
Compleanno: perché si spengono le candeline sulla torta?

Compleanno: perché si spengono le candeline sulla torta?

di Gabriella Massara

In tutti gli angoli del mondo il giorno del proprio compleanno si soffia sulle candeline. Ma vi siete mai chiesti il perché di questa usanza?

L’usanza di festeggiare i compleanni arriva probabilmente dalla Persia, dove si usava omaggiare il giorno del compleanno "festeggiato" con un dolce, e dall'antico Egitto, dove, si festeggiava la nascita attraverso la luce.  Addirittura, alcuni templi vennero costruiti in modo che il sole illuminasse la statua del faraone proprio nel giorno della sua nascita.

Quindi, si tratta di un'antichissima tradizione della storia dell'umanità, che però ci accompagna tuttora nel rito dello spegnimento delle candeline durante un compleanno. Infatti, ogni candelina rappresenta un anno di vita e il trascorrere del tempo. Però, se seguissimo la tradizione alla lettera, bisognerebbe aggiungere fin dal primo anno una candelina in più, che rappresenti la nostra vita dal concepimento alla nascita.

In origine infatti, il rito delle candeline sulla torta aveva inizio già qualche mese dopo la nascita di un nuovo individuo: era una sorta di battesimo del nuovo nato, i cui genitori festeggiavano la nascita, spegnendo la sua prima candelina, proprio come simbolo della sua venuta alla luce.

Successivamente agli antichi Egizi e ai Persiani, i Greci ereditarono le due tradizioni fondendole nella celebrazione del compleanno di Artemide, dea della Luna, il sesto giorno di ogni mese. Per l’occasione i seguaci della dea preparavano una torta tonda e bianca con miele e farina e la illuminavano con delle candele. I dolci erano rotondi, per richiamare la forma della luna piena, mentre le candeline accese ne imitavano la brillantezza.

Nel corso della storia poi, il fuoco sulle torte che venivano preparate nei banchetti festosi serviva anche a tenere lontani gli spiriti maligni. Infatti è per questo motivo che, alla fine delle celebrazioni le candele venivano spente con un soffio: a festa ormai finita gli spiriti malvagi si allontanavano da soli e il fuoco non serviva più. Inoltre, già allora alcuni ritenevano che il fumo sprigionato dalla fiamma potesse trasportare i desideri fino al cielo. E ancora oggi molte persone esprimono tacitamente un desiderio prima di soffiare. 

Compleanno in arrivo? Ricevere il regalo che realmente desideri non è mai stato così semplice!

SCOPRI GIFTSITTER

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!