Matrimonio: perché gli sposi si scambiano le fedi?

Matrimonio: perché gli sposi si scambiano le fedi?

di Gabriella Massara

Lo scambio delle fedi nuziali è uno dei momenti più intensi del rito del matrimonio, sia per quanto riguarda i matrimoni religiosi, sia per quelli civili. Secondo diversi costumi, l'anello nuziale è l'ultimo di una serie di regali che si scambiano gli sposi in segno di giuramento prima di unirsi nel matrimonio. Le si baciano, prima di scambiarle, proprio per dimostrare a tutti l’affetto per quell'oggetto, che non è un semplice gioiello, è una parte di sé stesso che si dà alla persona amata.

In effetti, le fedi nuziali sono da sempre il simbolo principale, nonché quello visibilmente durato, di un matrimonio. Le fedi sono un simbolo divenuto indissolubile dal concetto stesso di matrimonio, rappresentato nella loro perfezione sferica che simboleggia l'unione delle vite di due persone innamorate in una sola.

Generalmente in oro giallo, perché appunto si vuole sottolineare il fatto che non è un gioiello qualunque, la fede si indossa sulla mano sinistra al dito anulare, anche se nell'Europa Centro-Orientale si usa metterla a destra. Viene messa all'anulare perché vi è la credenza che di lì passi una piccola arteria che risalendo il braccio arriva direttamente al cuore.

Ma perché proprio l'anello?

L'origine dell'anello risale già all'epoca degli antichi egizi: gli anelli venivano usati per rappresentare il potere e la forza e venivano sigillati scarabei e geroglifici in segno di onore e amore per le proprie divinità. Non a caso si utilizzava l’oro come materiale per costruire l’anello, per venerare chi lo indossava.

All’epoca dei romani, tutti indossavano un anello, di materiale diverso, a seconda della classe di appartenenza. Un simbolo per riconoscersi tra di loro, all’interno delle proprie terre. Così, c’erano i cittadini liberi che lo portavano d’oro, gli schiavi liberati d’argento, e gli schiavi veri e propri di ferro.

Più avanti, durante il MedioEvo, si prese in considerazione il fatto di usare l’anello come simbolo di potere politico per gli imperatori e simbolo di potere spirituale per i vescovi.

Bisogna ricordare che prima delle fedi nuziali, ci sono gli anelli di fidanzamento, che hanno anch’essi un’origine antica. Si parla dei tempi dei barbari, quando per promessa di fedeltà e amore, ci si scambiavano gli anelli. Ai tempi dei romani invece, si distingueva l’anello di fidanzamento, dall’anello nuziale. Mentre il primo rappresentava una promessa di matrimonio, il secondo, veniva portato solo dal maschio, per rappresentare anche la sua autorità in famiglia.

L’abitudine di portare le fedi nuziali da entrambi gli sposi, dopo il matrimonio, tutti i giorni, è nata intorno al XI secolo, mentre l’incisione dei nomi o della data, dal 1700.

Nonostante la tradizione le vuole rigorosamente in oro giallo, le fedi nuziali devono rispecchiare in qualche modo gli sposi e il loro amore: è quindi bene che scegliate insieme questo prezioso simbolo e teniate mente che dovrà durare tutta una vita! Le ultime tendenze vogliono  la fede in oro bianco oppure sempre più coppie inseriscono un diamantino all'interno dell’anello. Ovviamente l’oro è un classico, ma  potete sbizzarrirvi con altri metalli come il titanio o il platino, se potete permettervelo poiché è un materiale molto costoso.

E per la lista nozze? Ecco un consiglio per te!

SCOPRI GIFTSITTER

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!