Consigli su come scrivere la tesi di laurea

Consigli su come scrivere la tesi di laurea

di Federica Ventrella

Come scegliere l'argomento della tesi di laurea? Come scegliere il relatore di tesi?  Come iniziare a scriverla? Se ti stai facendo queste domande, allora hai bisogno del mio aiuto.

Sì, è proprio così, l'ultimo sforzo e sarà finita! Prima o poi per tutti gli studenti universitari arriverà il fatidico momento di scrivere la tesi e non bisogna farsi prendere dal panico. Come sempre, basta avere un piano!

Ti racconto la mia esperienza, potrebbe esserti d'aiuto per prendere le tue decisioni.

Come scegliere il relatore della tesi?

Io ho iniziato con largo anticipo chiedendo la disponibilità al professore che volevo come relatore, perché sapevo già che fosse molto richiesto. Perché ho scelto lui? A differenza dei casi generali, non ho scelto il mio relatore basandomi su voci di corridoio: quante leggende ho sentito su ipotetiche teorie per cui quel professore era super disponibile, quell'altro era nullafacente, quell'altro ancora era Superman! Lasciatemelo dire, sono tutte st.... stupidaggini! Ho preferito seguire il mio istinto e le mie impressioni personali.

In realtà, se devo essere del tutto sincera, avevo già deciso di essere seguita da lui dal primo momento in cui seguii la sua prima lezione, al primo anno di università! Prematuro? Forse sì, ma non potetti essere indifferente alla sua professionalità, alla sua preparazione, alla passione per il suo lavoro, gli argomenti affrontati, il modo di esporli e trattarli, l'originalità, la capacità di riuscire a catturare l'attenzione di tutti e di suscitare interesse e curiosità.

Come scegliere l'argomento della tesi di laurea?

Questa è sicuramente la domanda che ti sta facendo uscire il fumo dalle orecchie. Scegliere l'argomento sbagliato può esserti fatale: vuoi passare davvero mesi e mesi della tua vita a leggere, studiare e scrivere su un argomento che non trovi per nulla interessante o stimolante? Non credo proprio.

So bene che non per tutti sono rose e fiori, ma arrivare davanti al professore con le idee un po' più chiare è la chiave per non incorrere in drammi inutili. Il mio consiglio, fai una lista degli argomenti che ti interessano di più e prova a fare una classifica di preferenza. Il tuo professore riuscirà ad indirizzarti e consigliarti per il meglio.

Ti laurei? Vorresti ricevere il regalo dei tuoi sogni? Scegli Giftsitter

CREA LA TUA LISTA LAUREA

Ti consiglio di scegliere un argomento che veramente ti piaccia e ti coinvolga, in questo modo tutto ti verrà più semplice; qualsiasi dubbio tu abbia inoltre chiedi sempre al professore, lui saprà sicuramente come aiutarti.

Ricordo ancora che andai al ricevimento del professore esprimendo in maniera decisa che intendevo fare la tesi con lui e la macroarea all'interno del quale volevo scegliere l'argomento della tesi.  Lui ci pensò qualche attimo e mi propose l'argomento, che subito mi piacque e quindi accettai.

Come scegliere l'argomento della tesi

Quanto tempo si impiega a scrivere una tesi?

C'è chi decide di sostenere tutti gli esami di tutte le materie per poi, solo alla fine, dedicarsi alla tesi; altri invece preferiscono fare le due cose contemporaneamente.

La parte più intensa dedicata alla tesi sono stati i 10 mesi prima della laurea! Non fatevi spaventare dal tempo che ho impiegato io, ognuno ha i propri tempi.

Io ho impiegato cosi tanto tempo perché i primi mesi mi sono dedicata agli ultimi esami. Inoltre ho voluto dedicare tanto spazio alla fase di ricerca e di costruzione della bibliografia, dato che è tra le cose fondamentali della tesi. Ricorda: bibliografia scadente equivale ad una tesi scadente, quindi non sottovalutarla!

Negli ultimi mesi, invece, mi sono occupata della stesura dei capitoli.

Tesi compilativa o sperimentale?

La durata di preparazione è stata cosi lunga perché abbiamo deciso che la tesi dovesse avere carattere sperimentale e non compilativo.

La tesi compilativa è la rielaborazione di materiali, dati, teorie e concetti  su un dato argomento già esistente; la tesi sperimentale invece prevede una ricerca compiuta personalmente dallo studente: posto un obiettivo e decisi gli strumenti da utilizzare, bisogna alla fine presentare i risultati ottenuti.

Sicuramente le tempistiche sono differenti e una tesi sperimentale richiede più tempo, ma in genere si tratta della tipologia di tesi con la quale è possibile ottenere votazioni più alte e, soprattutto, più soddisfazione.

Come si scrive una tesi di laurea?

Come scegliere il relatore della tesi

Nella prima parte del mio lavoro mi sono dedicata alla ricerca empirica, poi ho affrontato degli step che mi sono stati consigliati dal professore per svolgere il lavoro in maniera più fluida e semplice:

  1. Ho concordato la bibliografia;
  2. Ho letto i testi per capire cosa mi sarebbe servito per la stesura;
  3. Ho fatto un indice strutturato, cos'è? È un indice in cui in corrispondenza di ogni paragrafo va scritto brevemente di che cosa s'intende parlare;
  4. Ho scritto in ordine bibliografia, introduzione, capitoli, conclusione, ringraziamenti, appendici e indice.

Io non ho avuto particolari difficoltà seguendo il metodo di lavoro che ti ho descritto, il lavoro è stato fluido e semplice. Oltretutto questa esperienza mi ha dato la possibilità di imparare davvero tanto, credo addirittura di aver appreso più in questi 10 mesi che in tutta la mia carriera universitaria.

A questo punto il relatore l'ha revisionata e dopo le correzioni finali l'ho caricata sul portale studenti! Quello è stato il momento in cui mi sono sentita incredibilmente leggera, non mi preoccupava tanto il discorso che avrei dovuto tenere in seduta di laurea perché mi sono occupata personalmente di ogni minimo dettaglio.

Rilegare la tesi di laurea è necessario?

Anche se ormai siamo nell'era digitale e in quasi tutti gli atenei non è necessario consegnare anche una copia cartacea della tesi, il mio consiglio è quello di rilegare comunque una copia per te e una per il tuo relatore.

La parte più divertente è stata scegliere  la copertina per la rilegatura. C'è chi dice che ogni facoltà abbia un suo colore, ad esempio per giurisprudenza blu, per medicina rossa, per lettere e filosofia bianca. In realtà puoi scegliere quella che più ti piace, non ci sono delle regole fisse da rispettare a riguardo.

Fatto ciò puoi dedicarti ad outfit e festeggiamenti vari.

Tu hai già scelto l'argomento della tesi? E il tuo relatore?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!