5 drammi di uno studente pendolare

5 drammi di uno studente pendolare

di Gabriella Massara

Sei uno studente pendolare? Conosciamo i tuoi drammi... tieni duro!

Solo chi fa la vita da studente pendolare può capire quanto è faticoso. Ma prima o poi si arriva alla tanto agognata meta e ci si trasforma da studenti pendolari a Dottori. Noi di Giftsitter.com lo sappiamo bene e per questo abbiamo stilato la lista delle 5 cose di cui uno studente pendolare che si laurea farà sicuramente a meno.

  1. studente pendolare assonnatoSvegliarsi con il buio, fuori casa fa ancora freddo, ma a metà giornata ci saranno trenta gradi. Uno studente pendolare che si è laureato non dovrà mai più scegliere se congelare la mattina o morire di caldo  a mezzogiorno.
  2. Aspettare il treno o l'autobus in posizioni strategiche sperando di azzeccare il punto giusto dove si apriranno le porte. Tutto questo per sperare in un posto a sedere. Lo studente pendolare che si è laureato non dovrà litigare con la vecchietta di turno per accaparrarsi l'ultimo sedile dove comincerà la sfida con il gomito del passeggero che gli siede accanto per tutta la durata del viaggio.
  3. Arrivare in ritardo a lezione. Nonostante la sveglia presto e la lotta all'ultimo sangue per un posto, ebbene sì, il suo mezzo di trasporto sarà sempre e comunque in ritardo! Comincia quindi una corsa sfrenata carico di libri e appunti come un mulo: si sa il peso della cultura è un fardello che si deve portare con sé sempre e comunque. Lo studente pendolare che si è laureato non rischierà più di arrivare a lezione tutto sudato, puzza compresa che nemmeno un maratoneta, paonazzo e con il fiato corto.  Sapete che correre lungo il tratto di strada dalla stazione all'università è tra le prime cause di infarto giovanile?
  4. Denutrirsi, fisicamente e mentalmente. Durante ogni pausa lo studente pendolare decide di occupare il poco tempo che ha per chiudere gli occhi danneggiando permanentemente la sua vita sociale. Il tutto si complica nella pausa pranzo: un pratico e veloce panino indurito e rinsecchito portato da casa che fa guadagnare qualche minuto per un piccolo pisolino post pranzo o optare per un pasto completo alla mensa universitaria (e per completo si intende: fila, confusione, colleghi che sfruttano l'occasione per scroccare gli appunti e ovviamente niente pisolino)? Lo studente pendolare che si è laureato mangia le lasagne di mamma, fa un riposino pomeridiano per digerirle e la sera esce con gli amici lamentandosi di quanto è faticosa la sua giornata da quando non è più uno studente.
  5. Viaggiare in carri da bestiame. Sì, è passata una giornata e dopo aver bevuto 7 caffè per mantenersi svegli è arrivata l'ora X, l'ora in cui gli studenti fuori sede stanno beati al bar a fare l'aperitivo, mentre lo studente pendolare è alla fermata che aspetta quello che da un semplice mezzo di spostamento pubblico è diventato un carro di bestiame: studenti, lavoratori, turisti, la vecchietta con cui ha litigato la mattina per il posto, l'autista a fine turno stanco che borbotta. Lo studente pendolare che si è laureato non ha più percezione della sua "bolla prossemica", lui usa la sua macchina per gli spostamenti e se ha un passeggero comincia ad avere la tachicardia.

Ma finalmente dopo tutti questi anni di sacrifici tutto verrà ripagato dal titolo di dottore e da un regalo inutile... Come?

No, dai, dopo tanta fatica non farti fregare, affidati a Giftsitter.com per la tua lista di laurea.

SCOPRI GIFTSITTER

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!